21 luglio 2007

Lu Tremotu (Vincisgrassi)

Lu tremotu
(Vincisgrassi)

Chi vi parla è il cronista Beppe Mazza non c'è show se la gente non si incazza
quando è pranzo la famiglia già mi aspetta perché vuole sangue e dramma in diretta
Io per voi oggi sono a Colfiorito insieme a Gina un'anziana e a suo marito
la terra trema ogni muro qui è caduto raccontatelo minuto per minuto

Me so' rizzata come ogni jorno ho misto a coce lu pa' là lu fornu
po' ho ditto a Neno "Dimme perché tu si spostato tutti li vicchiè?"
Agghio risposto "Ma tu si scema io non so' entratu da ieri a cena!"
po' so' saputu che anghe de notte lu tirimotu ha dato tre bbotte

Sendo lu ca' che lucca forte se pacca lu muru se apre le porte
da lu soffittu vene jò tutto casca li santi e lo presutto
Scappo de fori e chiamo "Gina!" essa è rimasta chiusa in cucina
rmango lontano in mezzo allu spiazzu intando so' sarvu me freca un cazzu

Proprio ora viene il succo della festa la cisterna cade a Gina sulla testa
scorre il sangue lei è in fin di vita ma ci dica "Perché non era uscita?"
A quel punto per istinto naturale il marito risale per le scale
poco dopo la moglie lui ha salvato in quel momento ci dica che ha pensato

Dietro lu quadru de Patre Pio un po' de sordi io ce tinio
li risparambi della pinziò de quanno stavo sotto patrò
Tremava li vetri e la soffitta io su la sedia no' stavo ritta
e mentre la mano li sordi tocca me casca un trao su la mazzocca

In mezzo all'ara io e lu manzo e drendo casa Gina e lu pranzo
emmò che era tuttu passatu vaco a vedè che s'era sarvatu
Gina era sarva la testa è dura su li fornellu vullia la verdura
"Oh moje rizzete rmettete a postu sennò se bruscia pure l'arrostu

La tragedia è scampata per un niente il sorriso è tornato fra la gente
volontari ministeri e soccorsi in TV mille gli appelli ed i discorsi
Con il terremoto ora tutti sanno Colfiorito e Serravalle dove stanno
e grazie a Beppe Mazza e alla TV per Neno e Gina problema non c'è più

Io ne 'pprofitto pe' ffa 'na richiesta che pe' li pagni me serve na cesta
e io so' rmastu senza cappellu me serve 'na vanga e 'n andru rastrellu
Sopra lu lettu ce sta li coppi mannete li sordi che non so' mai troppi
drendo la stalla è mortu un vitellu vojo un recinto e 'n andru cancellu
La tilivisione s'è rotta a pizzi vojo conosce almeno a Frizzi
S'è ruttu un carru pe' li somari vojo 'na Gippe e 'na Ferari



Ecco per voi direttamente dal sito dei Vincisgrassi un estratto della canzone:


Per ascoltarla integralmente potete comprare il cd oppure chiedere al mulo...

4 commenti:

Bebo ha detto...

io adoro il passo: "...Scappo de fori e chiamo "Gina!" essa è rimasta chiusa in cucina
rmango lontano in mezzo allu spiazzu intando so' sarvu me freca un cazzu..."

:)

Dott. Marcello Seri ha detto...

ahahah

Jomps ha detto...

io adoro tutta la canzone! Stasera deu dei vincisgrassi fanno musica celtica alla Baita all'abbadia!

Anonimo ha detto...

Ciao marcello, a distanza di quasi 10 anni mi fa piacere scoprire per caso e leggere l'ennesimo post su di noi. Grazie per il gesto. Ciao
Beppe Mazza